Ridotte del 73% le pretese del fisco al contribuente sovraindebitato

In una recente pronuncia il Tribunale di Monza, applicando la legge sul Sovraindebitamento, ha permesso a una ex titolare di una ditta individuale di ridurre il debito maturato con Equitalia (ora Agenzia delle Entrate Riscossione) del 73%, da 220 mila euro a 60 mila euro. L’accordo, omologato con decreto del Tribunale di Monza del 25 maggio 2018, è stato concluso da una ex titolare di una ditta individuale con l'agenzia delle Entrate Riscossione grazie al fatto che la legge sul Sovraindebitamento (3/2012) permette di ridurre anche il debito fiscale consentendo a chi è meritevole di poter pagare a seconda delle proprie possibilità.

L'accordo è stato garantito finanziariamente dal padre della debitrice e da una associazione antiusura. Il legale della debitrice, Pasquale Lacalandra, che negli ultimi anni ha seguito diversi casi di Sovraindebitamento fiscale, ha evidenziato che ancora una volta la procedura prevista dalla legge n. 3/2012 “Composizione della crisi da Sovraindebitamento” consente di ottenere la liberazione dai debiti in sofferenza: «Il risultato raggiunto è stato molto più conveniente anche della rottamazione delle cartelle, alla quale la signora non avrebbe potuto comunque aderire, sia per l'entità dell'importo che avrebbe dovuto pagare, sia per le modalità di pagamento da effettuarsi al massimo in 5 rate».
 
 
Condividi:

Cerca indirizzo PEC

Cerca PEC di aziende e professionisti

Area riservata Paghe

Accedi all'area riservata dei documenti

Registro Nazionale degli Aiuti di Stato

Trasparenza degli Aiuti Individuali
Torna all'inizio